Il New York Times parla di boxe e Parkinson

Il New York Times parla di boxe e Parkinson - Un Gancio al Parkinson

Per alcuni malati di Parkinson, la boxe può essere una terapia. La boxe senza contatto è un ottimo allenamento per tutto il corpo per chiunque, ma alcuni esperti affermano che le persone con disturbi neurologici potrebbero trarne i maggiori benefici.

Per Cheryl Karian, assistente medico in pensione di 72 anni, la boxe è una medicina. La signora Karian, a cui è stato diagnosticato il morbo di Parkinson nel 2020, non gareggia né allena, ma ogni martedì e giovedì si allena per un’ora a Main Street Boxing e Muay Thai nel centro di Houston.

Prima della sua diagnosi, la signora Karian correva, giocava a tennis e svolgeva un lavoro impegnativo occupandosi dei pazienti presso l’MD Anderson Cancer Center. Tutto è cambiato negli anni precedenti la sua diagnosi nel 2020, quando ha iniziato a sperimentare difficoltà cognitive e frequenti cadute. “Non posso fare quello che facevo prima”, ha detto la signora Karian un giorno dopo una lezione di boxe.

Insieme ad altri due partecipanti alla classe, la signora Karian stava facendo shadowboxing, o pugni nel nulla, sotto la direzione del pugile professionista Austin Trout, noto come No Doubt Trout. Faceva parte di un programma chiamato Rock Steady Boxing, specializzato nell’allenamento di boxe senza contatto per i pazienti di Parkinson.

Mentre il signor Trout gridava le istruzioni: “Uno, due! Uno, due, scivolare! – La signora Karian ha tirato diversi pugni, schivando e ruotando la testa, il tutto mantenendo la posizione a gambe larghe di un pugile.

L’allenamento di boxe senza contatto è diventato più popolare negli ultimi dieci anni circa, con 4.000 nuove palestre spuntate prima della pandemia e più di cinque milioni di americani che si sono allacciati i guanti nel 2020, anche se il paese perde interesse per la boxe professionistica. Gli allenamenti vari e ad alta intensità della boxe offrono una miscela di forza e condizionamento cardiovascolare che migliora l’ agilità, la coordinazione e l’equilibrio e che possono essere particolarmente utili per le persone con disturbi neurologici come il morbo di Parkinson.

Il morbo di Parkinson è causato da una carenza cronica di dopamina, che provoca un aumento della rigidità muscolare, tremori, difficoltà nel parlare, affaticamento, vertigini e perdita di coordinazione ed equilibrio. I movimenti dei pazienti spesso diventano molto lenti e piccoli. La caduta è un grosso problema, soprattutto con il progredire dei sintomi. E mentre non esiste una cura, o anche un modo per fermare i sintomi, l’allenamento di boxe senza contatto sembra offrire un modo per rallentare gli effetti e migliorare la fiducia dei pazienti.

“Se ti alleni per la boxe, vedrai che la tua coordinazione è migliore, la tua agilità è migliore, il tuo equilibrio è migliore”, ha detto il signor Trout, un ex campione del mondo dei pesi medi leggeri che ha insegnato classi Rock Steady per quattro anni. “Questo è un modo per combattere fisicamente il Parkinson”.

 

Un’idea controintuitiva

Rock Steady Boxing è stata fondata nel 2006 da Scott Newman, un pubblico ministero della contea di Marion, Indiana, che ha scoperto che gli allenamenti di boxe lo aiutavano a gestire i sintomi del morbo di Parkinson ad esordio precoce. All’inizio, era solo lui e altri cinque pazienti ad allenarsi con un’ex pugile professionista, Kristy Follmar.

La stranezza della boxeterapia non è stata persa su di loro: lo sport ha tra i più alti tassi di commozione cerebrale e lesioni cerebrali . Sebbene non sia chiaro se una vita di commozioni cerebrali possa causare il Parkinson, può aumentare il rischio . Muhammad Ali, una delle figure più iconiche dello sport, ha sviluppato la condizione dopo una carriera professionale in cui ha notoriamente consumato i pesi massimi più duri del suo tempo prendendo un pugno dopo l’altro.

Nelle classi di Rock Steady, i partecipanti non prendono pugni; li lanciano solo. Ryan Cotton, il direttore scientifico di Rock Steady Boxing, ha detto che nei primi giorni il signor Newman e la signora Follmar stavano lavorando su un’intuizione. A quel tempo, gli esperti di Parkinson raccomandavano di concentrarsi sulla mobilità e sull’equilibrio evitando lo sforzo eccessivo. La posizione a gambe larghe di un pugile e il baricentro mobile quando si tira un pugno sembravano perfetti per allenare l’equilibrio e la postura.

“C’era una teoria che avrebbe dovuto funzionare, ma non c’erano prove scientifiche”, ha detto il dottor Cotton. “Davvero, la scienza ci ha raggiunto e ora supporta molte delle cose che stavamo integrando”.

Negli anni successivi, la ricerca ha dimostrato che molte forme di esercizio ad alta intensità , e in particolare la boxe, possono rallentare la progressione dei sintomi del Parkinson. La boxe sembra anche aiutare con altri disturbi neurologici, come la sclerosi multipla e l’ictus .

Rock Steady è cresciuto fino a raggiungere oltre 850 programmi di affiliazione in 17 paesi, con programmi di formazione e certificazione per allenatori come Mr. Trout, che vogliono offrire una formazione specifica per le persone con malattia di Parkinson con gravità variabile dei sintomi.

Quando la malattia della signora Karian è stata diagnosticata, sapeva come sarebbe stato il suo futuro se non fosse stata proattiva. Per anni ha osservato sua madre, che aveva anche il morbo di Parkinson, mentre la sua qualità di vita peggiorava. Ma ha scoperto che la boxe aiuta il suo equilibrio, coordinazione e funzionamento mentale. “Farò il più possibile, il più a lungo possibile”, ha detto la signora Karian

 

Trovare l’equilibrio

Circa la metà di tutti i malati di Parkinson cadrà in un dato anno, la maggior parte dei quali più di una volta. Mr. Trout, come molti allenatori di boxe, insegna ai suoi studenti a mantenere una posizione stabile tenendo le mani vicino al viso e le braccia nascoste per proteggere il corpo e il viso.

“Questo è un allenamento eccezionale per la prevenzione delle cadute”, ha affermato Ben Fung, un fisioterapista con sede a San Diego specializzato nell’aiutare i pazienti, compresi quelli con Parkinson, a evitare le cadute e ha un background nelle arti marziali miste.

Molte cadute accadono quando una persona sta cercando qualcosa o cambia direzione o velocità. Imparare la posizione di un pugile può aiutare a mantenere l’equilibrio, mentre tenere le mani alzate può proteggere il corpo e il viso da lesioni in caso di caduta.

I partecipanti praticano la caduta come parte del curriculum Rock Steady. “Finire sul pavimento è più comune che no con le persone con il Parkinson”, ha detto il dottor Cotton, al cui padre è stato diagnosticato il morbo di Parkinson pochi anni dopo aver iniziato a lavorare con Rock Steady. “I nostri boxer cadono ancora, semplicemente non sono paralizzati dalla paura.”

Meno paura può significare meno cadute. “Uno dei fattori più importanti per stabilire se qualcuno è a rischio di caduta è se ha paura di cadere “, ha affermato Rebecca Martin, professoressa di terapia fisica all’Hannover College. La dottoressa Martin non è affiliata a Rock Steady Boxing, ma vederne l’efficacia l’ha portata a incorporare le tecniche di boxe nel suo lavoro, che include lezioni settimanali di esercizi per le persone con malattia di Parkinson.

Un recente studio sulla terapia del pugilato ha rilevato che i pazienti di Parkinson che si sono sottoposti ad un allenamento bisettimanale hanno riportato meno cadute, con il numero di cadute che è aumentato durante i blocchi di Covid-19 e che è diminuito una volta revocate le restrizioni e sono stati in grado di riprendere l’allenamento. Questo è qualcosa che il signor Trout ha visto in prima persona, poiché molti dei suoi partecipanti – o “combattenti”, come li chiama lui – sono tornati dai blocchi più rigidi e traballanti di prima.

 

Fuori dall’Anello

Il morbo di Parkinson ha anche effetti psicologici. Man mano che i pazienti perdono coordinazione ed equilibrio, molti iniziano a valutare le proprie capacità e a chiudersi in un guscio, ritirandosi da amici e familiari e limitando i viaggi fuori casa, a causa della paura di cadere.

“Parkinson ti toglie la fiducia”, ha detto la signora Karian. “Devi lavorarci su per continuare”.

In un recente sondaggio su oltre 1.700 persone con malattia di Parkinson, quasi tre quarti dei partecipanti a Rock Steady Boxing hanno riferito che il programma ha migliorato la loro vita sociale e più della metà ha affermato che ha aiutato con stanchezza, paura di cadere, depressione e ansia.

“Il morbo di Parkinson non è solo una condizione che colpisce i sintomi motori, come il modo in cui ti muovi, cammini e parli. Il morbo di Parkinson può anche influenzare l’umore delle persone, facendole sentire sole o isolate”, ha affermato Danielle Larson, neurologa della Northwestern University e uno dei ricercatori che ha condotto il sondaggio. Inoltre, non è affiliata a Rock Steady, ma ha detto che ora raccomanda spesso la boxe ai suoi pazienti.

Per alcuni dei combattenti del signor Trout, la lezione di boxe è spesso l’unica volta che escono di casa ogni settimana. Kathy Smith, un’insegnante in pensione, ha detto che spesso si sentiva a disagio per le sue capacità durante le lezioni di ginnastica. In Rock Steady Boxing, “capiscono e ci aiutano ad adattarci alle nostre diverse abilità”, ha detto.

Quando la lezione del signor Trout giungeva alla fine, terminando con un giro di esercizi di base, la signora Karian e gli altri erano silenziosi, concentrandosi sul fare il più possibile, mentre il signor Trout li incoraggiava. Affrontare gli effetti del Parkinson può essere travolgente, ha detto, ma “hanno la possibilità di reagire ogni volta che vengono nella mia classe”.

 

Leggi l’originale

L’Italia alla guida di un importante progetto internazionale

Un Gancio Al Parkinson

“IMMUPARKNET avrà il compito di mettere a sistema le competenze di studiosi di 20 Paesi differenti. L’Università del Piemonte Orientale guida il network internazionale di scienziati che studiano il sistema immunitario per capire il morbo di Parkinson, malattia degenerativa che colpisce dieci milioni di persone nel mondo

La malattia di Parkinson (MP) è una frequente malattia neurodegenerativa che colpisce 10 milioni di persone nel mondo (600.000 persone solo in Europa) e la cui prevalenza è in costante crescita (oltre il 5% della popolazione sopra i 70 anni). Le cause e i meccanismi che conducono alla malattia di Parkinson sono alquanto eterogenei ma è ormai riconosciuta l’importanza del sistema immunitario in questo contesto.

L’Università del Piemonte Orientale fa parte di una cordata internazionale di ricerca che ha recentemente ottenuto il supporto dell’Unione europea per il progetto IMMUPARKNET (The role of IMMUnity in tackling PARKinson’s disease through a Translational NETwork), finanziato dal programma European Cooperation in Science and Technology (COST).

L’Università del Piemonte Orientale, rappresentata dal prof. Cristoforo Comi – professore di Neurologia presso il Dipartimento di Medicina traslazionale UPO e responsabile dell’Unità di Neurologia dell’Ospedale Sant’Andrea di Vercelli – è capofila del progetto che coinvolge ricercatori di venti paesi: Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Francia, Germania, Ungheria, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Portogallo, Romania, Serbia, Spagna Turchia e Regno Unito, in Europa, oltre a studiosi che operano in Cile, Singapore e Stati Uniti d’America. Le strutture UPO coinvolte sono quelle del CAAD, il Centro di ricerca traslazionale sulle malattie autoimmuni e allergiche.

“IMMUPARKNET – spiega il prof. Cristoforo Comi – è un network multidisciplinare innovativo che ha lo scopo di aggregarsi intorno allo studio dell’immunità nella malattia di Parkinson e in altre malattie neurodegenerative. IMMUPARKNET rappresenterà il primo nucleo di un ecosistema multidisciplinare volto a contrastare la frammentazione degli sforzi e degli approcci metodologici, sia nella ricerca sia nella pratica clinica, per incrementare lo sviluppo di trattamenti innovativi”.

Lo studio di come il sistema immunitario sia collegato alla neurodegenerazione, che è causa della malattia di Parkinson, sta suscitando un interesse sempre maggiore; queste indagini possono fornire opportunità senza precedenti per comprendere meglio la patogenesi della malattia, per identificare biomarcatori clinicamente significativi e possibilmente anche nuove strategie terapeutiche.”

 

Leggi l’articolo originale